Wedding Weekend a Monte del Re

Monte del Re va a nozze: weekend dedicato ai fiori d’arancio

Oltre 100 fotografi e 40 modelle provenienti dalla Regione hanno dato vita alla rassegna fotografica dedicata al mondo del matrimonio. Dalle 10 alle 17 il parco secolare e la struttura di Monte del Re si sono trasformati in un set fotografico dove protagoniste erano le modelle che hanno posato con abiti da cerimonia.

L’evento è stato organizzato dall’associazione Noigiovani, grazie alla socia Veronica Rubini.

Fondazione Gaber

Fondazione Gaber a Imola in musica – giugno 2015

Evento teatrale di grande portata, con la partecipazione di diversi gruppi e artisti che possano dar vita ad uno spettacolo in cui il tema centrale sia l’opera di Giorgio Gaber e che veda il coinvolgimento attivo e preponderante della Fondazione Giorgio Gaber. Il trio L’intenzione del Volo sarebbe il “collante” fra i vari momenti, collegando con brani e monologhi i vari interventi. Tale evento potrebbe diventare un appuntamento fisso e crescere, anno dopo anno, coinvolgendo sempre più artisti e spettatori da tutta Italia e potrebbe essere inserito nel programma del FestivalGaber, che ogni anno raduna migliaia e migliaia di appassionati con i suoi numerosi eventi. 

“Come persone l’intenzione del Volo”

presentazione

 

“L’antica speranza”

presentazione

Bubble Football

Evento realizzato in Piazza Gramsci a Imola in cui si potrà giocare a un nuovo sporto: Bubble Football.

Due squadre, una palla, simile al gioco del calcio con una particolarità: ogni membro indosserà un pallo trasparente Tpu, che li proteggerà da qualsiasi scontro con gli avversari e possibili urti, semplificando il gioco perchè non richiede particolari abilità.

Gli organizzatori sono Nicola Sermenghi e Marcello Cerioli che propongono, con il loro progetto A-ball, un nuovo modo di approcciarsi allo sport, sicuro e divertente. L’idea è quella di formare un atleta Zero, abbandonando i timori e le formalità degli altri sport e ci si concentra sul puro divertimento e l’interazione tra i coetanei.

Seconda Edizione “Sogni d’autore”

Il  17 Dicembre presso la sala “Città e Cultura” di Imola si è tenuto la seconda edizione “Sogni d’autore” con l’evento “Il punto in cui la Luna si mostra nuda”.

banner_luna_01b (1)
La rassegna annuale “sogni d’autore” è un modo per far conoscere ogni hanno un cantautore scelto dopo un’attento studio, rivisto con un particolare occhio critico e riflessivo da parte di un gruppo di artisti scelti dall’Associazione.

Quest’anno per la seconda edizione si è scelto di ricordare la musica di De Andrè, con lo spettacolo “Il punto in cui la luna si mostra nuda” con il patrocinio della Fondanzione Fabrizio  De Andrè per creare quel rapporto indossolubile tra il movimento artistico associativo e le realtà internazionali che possono proiettare i nostri progetti fuori i confini locali.
Il punto in cui la Luna si mostra nuda è proprio un sogno concreto, un piccolo viaggio che non ha la pretesa di andare lontano, ma piuttosto di andare a fondo, esplorare mondi semplici, ma ricchi, fatti spesso di ignoranza, povertà, sotterfugi, squallori e tutta la vasta gamma di bellezze effimere che si identificano nel concetto stesso di umanità. Ecco perciò naturale la scelta di attingere principalmente dall’album Crêuza de mä, così ricco di realtà, molteplici realtà, che sono paradigma di ciò che è il mondo, o meglio di cosa è l’uomo nel mondo. Un disco totalmente libero, anche nelle forme espressive e nel linguaggio (il perfetto mimetismo ottenuto con l’eleganza del dialetto genovese, genialmente unito alla concretezza di una realtà molto più volgare di come non vorrebbe presentarsi) che a noi permette un tentativo musicale, certamente azzardato e non privo di pericoli, in cui la ricerca straordinaria di suoni e sapori svolta da Faber e Pagani prosegua ed evolva ancora, nonostante l’inderogabile rigore necessario a non allontanarsi mai troppo dai ruoli che le componenti ritmiche e melodiche svolgono all’interno delle canzoni. E su questi ed altri straordinari brani, oltre a chitarra, tastiera, percussioni e basso, spunta l’idea di utilizzare le voci dei musicisti come ulteriori strumenti, così da ottenere un particolarissimo effetto sogno; il tutto incorniciato dalle proiezioni di visuals creati da veri e proprio artisti della grafica, in modo da ottenere potenti suggestioni.

Durante lo spettacolo la sala gremita, con oltre più di 150 persone, ha applaudito più volte e apprezzato molto la capacità artistica dei gruppo musicale.

Il pubblico ha rivissuto i tempi di De André, con anche qualche novità proposta dal gruppo giovanissimo di Imola (Valentina Dal Pozzo, Francesca Dal Pozzo, Franscesco Ottaviano, Federico Caiazzo e da Andrea Faccioli).Un grande novità è stato vedere uno spettacolo multisensoriale estremamente ricco e coinvolgente con visuals(proiezioni video), create ad hoc da Simone Sieli. Hanno partecipato inoltre alla seconda edizione Gian Marco Pezzoli e i tecnici  Lorenzo Davalle e Davide Villani.

La scelta della sala della BCC Città e Cultura, non è casuale, vogliamo partire dal nostro centro storico, valorizzandolo quotidianamente, rendendolo sempre più attrattivo valorizzando l’arte, la cultura e le eccellenze del territorio. Un esempio è la collaborazione con le attività economiche del territorio che hanno sostenuto il progetto: Opera Dulcis, Callegherie 21 e Cà Lunga il Vino

2015 – Edizione Rest-art 3.0

RestART – Urban Arts & Culture Festival – Stazione FS Imola

900 m2 di muri
30 Artisti da tutt’ Italia
3 giorni di Musica / Sport / Cultura Innovativa / Street Food / Workshops

La convencion di Arte Urbana, ormai come da tradizione, cambia ogni anno di location e prosegue il suo processo di trasformazione creativa della città di Imola, concentrando tutte le sue energie e attenzioni sulla Stazione dei Treni e il suo Sottopassaggio.

Il luogo, per definizione di passaggio, ad oggi si presenta come uno spazio completamente vuoto, muto e totalmente impersonale e verrà completamente trasformato dall azione e dal gesto creativo di artisti provenienti da tutta la penisola. L’intenzione del Collettivo del RestART è quella di creare una narrazione, realizzata tramite una serie di opere murali che possano comunicare quello che rappresenta la nostra città permettendo di esplorare allo stesso tempo il variegato universo della Street Art e del Writing.

Questo luogo che ad oggi si presenta come uno spazio completamente vuoto, muto e totalmente impersonale, verrà completamente trasformato dall azione e dal gesto creativo di artisti invitati a participare, chiamati a confrontarsi su un unico tema: il Viaggio.

La Stazione considerata quindi come punto di arrivo e di partenza, andata e ritorno, il non luogo dell incontro e dello scambio, diventa un occasione per poter raccontare una storia, quella di chi se ne va e di chi rimane, narrata attraverso gli elementi che affondano le radici nella nostra tradizione e quelli che faranno parte del nostro prossimo futuro.

FLAYER CONTEST

Programma Attività 23-27 Settembre 2015

VENERDI 25/09:
A partire dalle 16:00 MAIN STAGE
– WORKSHOP di Costruzione con Pallet
Live MUSIC By:
– CaVaina Academy Band Selection
– JOE & His Majestic Caravan [Reagge]
– ANNE BONNY
– DOMANI SMETTO Official Articolo31 & Jax Tribute Band
– DJ RONNIE
A partire dalle 17:00 nell Arena
– CONTEST DI BEATBOX by BOLONELPOSTO
– INQUIETUDO 1.0 Spettacolo di Danza Urbana by QUINTOVEDA

SABATO 26/09:
– CREATIVE LAB x BAMBINI
Laboratorio aperto e gratutito per tutti i bambini
A partire dalle 16:00 nell Arena Stage
– RAP FREESTYLE BATTLE con premi per i primi due
– B-BOYS EXIBITHION
A partire dalle 20:00 nel MAIN STAGE
– DIGLETT TRIO
– CADILLAC 61
– MAMA AFRICA
– BRAIN
– DJ MANUEL DURANTE

DOMENICA 27/09:
A partire dalle 16:00 nell Arena Stage
– CAVAINA BAND SELECTION
– LIVE, OPEN JAM SESSION
Per tutti i musicisti che vorranno partecipare ci sarà la possibilità di suonare live con backline per qualche ora aspettando il tramonto
Aperitivo di Chiusura con Sounds by PERRY

REST-ART E’ SPETTACOLO:

 

REST-ART E’ RIQUALIFICAZIONE URBANA:

Never Give Up

Al di là delle paure

Noigiovani presenta “Al di là delle paure”

I principali processi che un’azienda deve gestire al meglio e le trappole comportamentali principali.

I. Iper-ottimismo
II. Overconfidence
III. Errore di conferma
IV. Avversione alla perdita certa

#Standard #pianificazione #incentivi
#condivisione di informazioni

Ospite:
Prof. Enrico Maria Cervallati
Interverranno:
Roberto Pesaresi Manager marketing Bcc Ravennate&Imolese
Marco Normanni A.D Assicurazione Cattolica Imola

In collaborazione con:
ILAB:
Associazione imprenditori di imola e circondario che cerca di far diventare Imola una vera e propria smart cities.

https://www.facebook.com/pages/ILab/548945511893943?sk=timeline

Fablab Imola:
Un Fablab è un laboratorio di fabbricazione digitale, uno spazio dove vengono messe a disposizione attrezzature quali Stampanti 3D, Laser Cutter, Fresa CNC, Scanner 3D, Saldatori per schede elettroniche.
Con queste attrezzature è possibile veder nascere fisicamente le proprie idee.
Maggiori info su www.fablabimola.it

#imprenditoriagiovanile #finanza #impresa #economia

 

TASTE OF IMOLA RIDERS SBK

Il prodotto enogastronomico italiano per eccellenza è la pasta, per questo motivo i piloti della SBK saranno chiamati a realizzare la pasta nata ad Imola: il garganello. La sua esecuzione è facile e divertente.

I piloti gareggeranno per fare i garganelli, un maccheroncino che si realizza con la pasta sfoglia, utilizzando il “pettine”, uno strumento molto particolare ed originale (ricavato dai vecchi telai per tessere) sul quale, con un apposito bastoncino, si arrotolano i garganelli.

All’arrivo i piloti troveranno lo chef Valentino del ristorante stellato San Domenico, che  racconterà come si prepara la sfoglia con la fontana di farina e le uova, e farà una dimostrazione su come si realizzano i garganelli.

I piloti proveranno anche a “tirare la pasta” con il mattarello, sul tradizionale tagliere di legno; sarà divertente vedere giovani piloti cimentarsi nel lavoro tipico delle sfogline romagnole, anche perché il gesto di tirare la pasta impugnando il mattarello ricorda la “sgasata”.

Dopo aver ascoltato i suggerimenti dello chef, in una sorta di briefing pre-gara, i piloti indosseranno grembiule e cappello si sposteranno alle singole postazioni di lavoro, dove sul tagliere troveranno la pasta ed il “pettine” per preparare i garganelli.

Il primo che avrà preparato la giusta quantità di garganelli sceglierà per primo il condimento (già pronto). A scalare gli altri piloti in base al loro posizionamento.

La pasta verrà cotta dallo staff; durante la cottura Massimo Montanari terrà un breve intervento.

I piloti saranno aiutati dallo staff del SD e lo stesso chef Valentino girerà tra i banchi per dare consigli, suggerimenti e una mano a chi sarà più in difficoltà.

Al termine della prova la giuria assaggerà i piatti e giudicherà la migliore esecuzione.

Il sindaco premierà i vincitori.

Seguirà assaggio di garganelli preparati dal San Domenico.

img_9649

Gli ultimi giorni di Giuda Iscariota

Spettacolo teatrale al Teatro Osservanza di Imola:

“Gli ultimi giorni di Giuda Iscariota” (“The last days of Judas Iscariot”)

Storia, progetto e note di regia:

Il progetto nasce da un’idea di Stefano Dozza, che durante il suo Erasmus a Birmingham nell’a.a. 2012/13, si imbatte nella realizzazione di “The last days of Judas Iscariot” per mano di alcuni studenti del posto.

Lo spettacolo ed il suo autore Stephen Adly Guirgis, pressoché sconosciuti in Italia, sono invece di culto nel Regno Unito e negli Stati Uniti d’America. Per intenderci, il regista della prima messa in scena dell’opera di Guirgis è stato l’attore premio Oscar Philip Seymour Hoffman, recentemente scomparso.

Rientrato in Italia, Dozza forma il cast per “Gli ultimi giorni di Giuda Iscariota”, spettacolo inedito ad Imola. La nostra risulta essere la seconda messinscena dell’opera in Italia, già affrontata per studio da studenti di recitazione del terzo anno del Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino (FI).

Lo spettacolo, come si evince dalla sinossi, comicia quando, in Purgatorio, una giovane avvocatessa, Fabiana Aziza Cunnigham, decide di riprendere in mano le carte riguardanti il processo ai danni di Giuda Iscariota, traditore di Gesù di Nazareth. Trattandosi per la maggior parte di personaggi realmente esistiti o quantomeno già citati, facciamo riferimento ad un’estesa bibliografia. Abbiamo attinto moltissimo dalla Bibbia per quel che riguarda le relazioni fra gli Apostoli.