Hera Centrale Montericco

Gli artisti dell’Associazione Noi Giovani “scaldano” la Centrale di Cogenerazione di Montericco! Un progetto per far conoscere l’acqua calda e far vivere anche questo luogo.

L’associazione Noi Giovani colpisce ancora nel segno, questa volta ci troviamo nel quartiere Pedagna, esattamente alla Centrale di Cogenerazione di Montericco.

Un progetto che vuole “trasmettere calore”, rigenerando muri grigi, rendendoli parte integrante quasi una vista ai “raggi x” della centrale, cambiando il volto del parco che ospita la centrale. Un progetto che vede la collaborazione di Hera Com. Un’area quasi dismessa perchè la struttura è esclusivamente di supporto alla nuova Centrale e una zona dimenticata.

hera centrale montericco_002

hera centrale montericco_003

I morti per sogni

Il successo dello spettacolo “I morti per i sogni. Canzoni, parole e opere di F. Guccini, W. Turner, W. Shakespeare e G. Brassens”, del gruppo diretto da Andrea Faccioli.

Il progetto “Sogni d’autore”, giunto alla terza edizione quest’anno, è patrocinato e sostenuto dall’Associazione Noi Giovani, realizzato alla Sala Città e Cultura della BCC Ravennate-Imolese, continua a portare benefici per la Città d’Imola. La serata di ieri ha ulteriormente animato il programma cittadino sulle note di Guccini.

Una sala gremita, tante generazioni pronte a passare una serata tra musica, immagini e dialoghi.
In scena Andrea Faccioli (chitarra, voce), Fabio Mazzini (chitarre), Marco Buscaroli (Hang, chitarre, percussioni), Francesco Ottaviano (contrabbasso, percussioni), Filippo Buscaroli (clarinetto), Gian Marco Pezzoli e Sime Sieli
(grafiche e cooordinamento video/visual).

PROLOGO

Wedding Weekend a Monte del Re

Monte del Re va a nozze: weekend dedicato ai fiori d’arancio

Oltre 100 fotografi e 40 modelle provenienti dalla Regione hanno dato vita alla rassegna fotografica dedicata al mondo del matrimonio. Dalle 10 alle 17 il parco secolare e la struttura di Monte del Re si sono trasformati in un set fotografico dove protagoniste erano le modelle che hanno posato con abiti da cerimonia.

L’evento è stato organizzato dall’associazione Noigiovani, grazie alla socia Veronica Rubini.

Fondazione Gaber

Fondazione Gaber a Imola in musica – giugno 2015

Evento teatrale di grande portata, con la partecipazione di diversi gruppi e artisti che possano dar vita ad uno spettacolo in cui il tema centrale sia l’opera di Giorgio Gaber e che veda il coinvolgimento attivo e preponderante della Fondazione Giorgio Gaber. Il trio L’intenzione del Volo sarebbe il “collante” fra i vari momenti, collegando con brani e monologhi i vari interventi. Tale evento potrebbe diventare un appuntamento fisso e crescere, anno dopo anno, coinvolgendo sempre più artisti e spettatori da tutta Italia e potrebbe essere inserito nel programma del FestivalGaber, che ogni anno raduna migliaia e migliaia di appassionati con i suoi numerosi eventi. 

“Come persone l’intenzione del Volo”

presentazione

 

“L’antica speranza”

presentazione

Sziget Budapest

Noi giovani sbarca a Budapest

Il festival musical più grande d’Europa, in cui i giovani mettono tutta la loro creatività musicale ed artistica a servizio delle centinaia di migliaia di giovani che arrivano sull’isola, alle porte di Budapest. Noi Giovani, associazione divenuta oramai punto di riferimento in tutto il circondario per progetti creativi, innovativi e legati alle varie arti, è presente con un gruppo di ragazzi, che per l’occasione hanno realizzato un dehors con pallet riciclati. Arturo, Cesare, Giovanni, Bruno e Cecilia, ecco i nomi della spedizione che armatosi di tutto il materiale sono partiti in roullot verso Budapest. Li a inizio agosto hanno montato la struttura e ora è meta di relax di migliaia di giovani accorsi al festival. Arturo, studente di architettura all’Università di Cesena, è entusiasta del lavoro: “Siamo arrivati con molto tensione dovuta all’ambiente, all’importanza del festival, per fortuna una struttura simile era stata già montata durante la manifestazione (Restart )alla Stazione. Ora siamo felici perché la struttura è meta di tanti giovani che rimangono il relax per tante ore. “

Al festival sono presenti anche altri gruppi di Imolesi che giunti al festival sono andati ad ammirare il lavoro realizzato. L’associazione Noi Giovani per bocca di Cesare Bettini, direttore artistico di Restart, si dice prono a partecipare ad altri festival nel mondo per portare Imola e la sua creatività artistica a livello mondiale.

Teatro Osservanza

Castelguelfo Ecovibes

I giovani di Ecovibes danno vita al cantiere della scuola di Castel Guelfo

Noi Giovani si conferma una risorsa importante nella rigenerazione di spazi urbani, regalando colore e fantasia ai bambini della scuola Giovanni Paolo II.

CASTEL GUELFO – Il 4 aprile 2016 la crew del Restart è sbarcata a Castel Guelfo di Bologna per dipingere il cantiere attorno alla scuola Giovanni Paolo II. Grazie alla sinergia tra Noi Giovani, il Comune e la CIMS, cooperativa responsabile dei lavori, undici artisti hanno dato libero sfogo alla propria fantasia, partecipando ad una jam di graffiti in cui l’arte urbana incontra la natura.

“La proposta Ecovibes – spiega il vicesindaco Claudio Franceschi – è venuta dopo aver visto il progetto dall’Associazione Noi Giovani presso la Stazione Ferroviaria di Imola.”
L’iniziativa, molto apprezzata dai cittadini di tutte le età, è stata scenario della realizzazione di opere legate all’immaginario fantastico, con l’obiettivo di restituire uno spazio creativo, accogliente e stimolante ai bambini della scuola. Federico Visentin, assessore della Smart City, rivela di trovare straordinario e intelligentissimo il fatto che gli artisti siano riusciti a rigenerare questo spazio, trasformando una barriera che prima impediva la vista in qualcosa che ora l’attrae:

“Si è portato l’arte laddove serve di più, dal momento che all’interno del museo ha un altro significato”.

Alla jam hanno partecipato False God, Caes, About Ponny, Poket Clouds, NUT, Bibbito, Loser, Pupa, Dieguito, Mark Alpi, DissensoCognitivo, Alessio Bolognesi e Raul un ragazzo della scuola media.

Arnaldo Maddanu, direttore dei lavori, ci tiene a sottolineare come questa manifestazione sia nata con l’obiettivo di rafforzare il senso civico: “Si è scelto di decorare i pannelli mettendo a confronto alcuni artisti su un tema sensibile come la sostenibilità ambientale. Anche i bambini più piccoli hanno potuto esprimere la loro creatività grazie al laboratorio dell’Associazione “Il Melograno”

Bubble Football

Evento realizzato in Piazza Gramsci a Imola in cui si potrà giocare a un nuovo sporto: Bubble Football.

Due squadre, una palla, simile al gioco del calcio con una particolarità: ogni membro indosserà un pallo trasparente Tpu, che li proteggerà da qualsiasi scontro con gli avversari e possibili urti, semplificando il gioco perchè non richiede particolari abilità.

Gli organizzatori sono Nicola Sermenghi e Marcello Cerioli che propongono, con il loro progetto A-ball, un nuovo modo di approcciarsi allo sport, sicuro e divertente. L’idea è quella di formare un atleta Zero, abbandonando i timori e le formalità degli altri sport e ci si concentra sul puro divertimento e l’interazione tra i coetanei.