Hera Centrale Montericco

Gli artisti dell’Associazione Noi Giovani “scaldano” la Centrale di Cogenerazione di Montericco! Un progetto per far conoscere l’acqua calda e far vivere anche questo luogo.

L’associazione Noi Giovani colpisce ancora nel segno, questa volta ci troviamo nel quartiere Pedagna, esattamente alla Centrale di Cogenerazione di Montericco.

Un progetto che vuole “trasmettere calore”, rigenerando muri grigi, rendendoli parte integrante quasi una vista ai “raggi x” della centrale, cambiando il volto del parco che ospita la centrale. Un progetto che vede la collaborazione di Hera Com. Un’area quasi dismessa perchè la struttura è esclusivamente di supporto alla nuova Centrale e una zona dimenticata.

hera centrale montericco_002

hera centrale montericco_003

I morti per sogni

Il successo dello spettacolo “I morti per i sogni. Canzoni, parole e opere di F. Guccini, W. Turner, W. Shakespeare e G. Brassens”, del gruppo diretto da Andrea Faccioli.

Il progetto “Sogni d’autore”, giunto alla terza edizione quest’anno, è patrocinato e sostenuto dall’Associazione Noi Giovani, realizzato alla Sala Città e Cultura della BCC Ravennate-Imolese, continua a portare benefici per la Città d’Imola. La serata di ieri ha ulteriormente animato il programma cittadino sulle note di Guccini.

Una sala gremita, tante generazioni pronte a passare una serata tra musica, immagini e dialoghi.
In scena Andrea Faccioli (chitarra, voce), Fabio Mazzini (chitarre), Marco Buscaroli (Hang, chitarre, percussioni), Francesco Ottaviano (contrabbasso, percussioni), Filippo Buscaroli (clarinetto), Gian Marco Pezzoli e Sime Sieli
(grafiche e cooordinamento video/visual).

PROLOGO

Sziget Budapest

Noi giovani sbarca a Budapest

Il festival musical più grande d’Europa, in cui i giovani mettono tutta la loro creatività musicale ed artistica a servizio delle centinaia di migliaia di giovani che arrivano sull’isola, alle porte di Budapest. Noi Giovani, associazione divenuta oramai punto di riferimento in tutto il circondario per progetti creativi, innovativi e legati alle varie arti, è presente con un gruppo di ragazzi, che per l’occasione hanno realizzato un dehors con pallet riciclati. Arturo, Cesare, Giovanni, Bruno e Cecilia, ecco i nomi della spedizione che armatosi di tutto il materiale sono partiti in roullot verso Budapest. Li a inizio agosto hanno montato la struttura e ora è meta di relax di migliaia di giovani accorsi al festival. Arturo, studente di architettura all’Università di Cesena, è entusiasta del lavoro: “Siamo arrivati con molto tensione dovuta all’ambiente, all’importanza del festival, per fortuna una struttura simile era stata già montata durante la manifestazione (Restart )alla Stazione. Ora siamo felici perché la struttura è meta di tanti giovani che rimangono il relax per tante ore. “

Al festival sono presenti anche altri gruppi di Imolesi che giunti al festival sono andati ad ammirare il lavoro realizzato. L’associazione Noi Giovani per bocca di Cesare Bettini, direttore artistico di Restart, si dice prono a partecipare ad altri festival nel mondo per portare Imola e la sua creatività artistica a livello mondiale.

Teatro Osservanza

Castelguelfo Ecovibes

I giovani di Ecovibes danno vita al cantiere della scuola di Castel Guelfo

Noi Giovani si conferma una risorsa importante nella rigenerazione di spazi urbani, regalando colore e fantasia ai bambini della scuola Giovanni Paolo II.

CASTEL GUELFO – Il 4 aprile 2016 la crew del Restart è sbarcata a Castel Guelfo di Bologna per dipingere il cantiere attorno alla scuola Giovanni Paolo II. Grazie alla sinergia tra Noi Giovani, il Comune e la CIMS, cooperativa responsabile dei lavori, undici artisti hanno dato libero sfogo alla propria fantasia, partecipando ad una jam di graffiti in cui l’arte urbana incontra la natura.

“La proposta Ecovibes – spiega il vicesindaco Claudio Franceschi – è venuta dopo aver visto il progetto dall’Associazione Noi Giovani presso la Stazione Ferroviaria di Imola.”
L’iniziativa, molto apprezzata dai cittadini di tutte le età, è stata scenario della realizzazione di opere legate all’immaginario fantastico, con l’obiettivo di restituire uno spazio creativo, accogliente e stimolante ai bambini della scuola. Federico Visentin, assessore della Smart City, rivela di trovare straordinario e intelligentissimo il fatto che gli artisti siano riusciti a rigenerare questo spazio, trasformando una barriera che prima impediva la vista in qualcosa che ora l’attrae:

“Si è portato l’arte laddove serve di più, dal momento che all’interno del museo ha un altro significato”.

Alla jam hanno partecipato False God, Caes, About Ponny, Poket Clouds, NUT, Bibbito, Loser, Pupa, Dieguito, Mark Alpi, DissensoCognitivo, Alessio Bolognesi e Raul un ragazzo della scuola media.

Arnaldo Maddanu, direttore dei lavori, ci tiene a sottolineare come questa manifestazione sia nata con l’obiettivo di rafforzare il senso civico: “Si è scelto di decorare i pannelli mettendo a confronto alcuni artisti su un tema sensibile come la sostenibilità ambientale. Anche i bambini più piccoli hanno potuto esprimere la loro creatività grazie al laboratorio dell’Associazione “Il Melograno”

2016 – Edizione Rest-art 4.0

REST-ART 4.0 – Urban Culture Event – IV Edizione

SPAZIO PUBBLICO / STREET ART / MUSICA / SPORT / CITTADINANZA ATTIVA/ RIUSO E SOSTENIBILITA’/ COLLETTIVITA’ / RIGENREAZIONE URBANA / PARTECIPAZIONE

Urban Culture Event, questo tipo di cultura (Writing, Street Art, Sport, Musica) dimostra come le attività dei giovani possano modificare i luoghi pubblici, rivalutandoli, ripulendoli, restituendoli a chi vi abita o li frequenta in maniera divertente e innovativa. Dalla musica allo sport, dall’arte pubblica all’affermazione del singolo: Breakdance, Djing, Skate, Parkour queste e molte altre pratiche artistico/sportive vengono utilizzate per esprimere un nuovo modo di vivere la città.

L’intervento sui luoghi avviene perseguendo due metodologie: un intervento di tipo fisico sul luogo e sul territorio, in maniera permanente nel tempo, attraverso la realizzazione di opere murarie di straordinaria bellezza. Un secondo temporaneo dato dall’organizzazione di un evento culturale, interattivo e formativo per tutti i ragazzi che vi partecipano/assistono. Un’occasione di divertimento, apprendimento culturale, confronto sportivo, a 360°. L’obbiettivo del Festival è quello di creare un appuntamento, per poter apprezzare non solo il lavoro degli artisti, ma anche un modo differente e creativo di vivere la città.

Un momento dove musica, arte e sport convergono verso un unico punto, un unico fine, la possibilità di vivere il luogo urbano non solo come uno spazio di passaggio o di sosta, ma creare un luogo della quale la cittadinanza, possa sentirsi partecipe, accolti e che possa personalizzare aumentando così la qualità del vivere stesso.

I luoghi interessati dopo il passaggio del Rest-ART, sono modificati.

Vengono trasformati, riqualificati, ripuliti, rivestiti. L’azione artistica, il gesto sportivo, l’esibizione musicale cambiano il tipo di percezione e l’uso dello spazio designato, elevandolo a uno stato del tutto nuovo.

CONSULTA IL FLAYER

Programma Attività 23-25 Settembre 2016 

La manifestazione vedrà le seguenti attività:

  • STREET ART: verranno realizzate importanti opere artistiche sulle parti elencate in precedenza.

  • WORKSHOP di AUTOCOSTRUZIONE: per adulti organizzato da Associazione Noi Giovani. Creazione di arredo privato o pubblico in pallet e materiali di riciclaggio con l’obbiettivo di implementare e/o sostituire quello esistente nelle aree del quartiere.

  • WORKSHOP di ARCHITETTURA SOSTENIBILE: in collaborazione con G.AR.B.O (Giovani Architetti Bolognesi) e ORIZZONTALE. Realizzazione di una struttura comune in bamboo da posizionare al centro del quartiere come totem, smontabile e ri-assemblabile al bisogno del quartiere.

  • LABORATORIO TESSILE: organizzato dall’Associazione TRAMA di TERRE. Realizzazione di tessiture create da intrecci di lana colorata sugli alberi del parco.

  • MUSICA DAL VIVO: verranno realizzati una serie di concerti ed esibizioni artistico musicale su un palco appositamente installato per l’occasione e comprendente l’impianto luci per un previsto intrattenimento notturno. Saranno coinvolti Centro Giovanile Cà Vaina, BluesBand, Cooperativa IL SOLCO, Centro Studi Donati, Comunità Africana Imolese.

  • SPORT: verranno allestite più aree attrezzate in cui verranno praticati e esibiti vari sport. (come ad esempio: Calcetto 5 vs 5, Basket 3 vs 3, RollSkate Acrobatico, Slack Line), verranno coinvolte la Parrocchia del Carmine e l’annesso, area del Campo Sportivo.

  • ESIBIZIONI: esibizioni di vari artisti di strada che esporranno materiale realizzato tramite il loro ingegno e creatività, sia della sfera musicale sia artistica. Con il coinvolgimento delle Associazioni T.I.L.T., QUINTOVEDA, RADIO IMMAGINARIA e OFFICINA IMMAGINATA. Attività di vario tipo: Teatro delle Ombre, Burattini, Raffigurazioni teatrali, artisti di strada, giocolieri, mangiafuoco, acrobati, truccabimbi e trampolieri.

  • MERCATINO: sarà presente un’area dedicata allo scambio e alla rendita di oggettistica varia e perché no anche forme di Baratto.

  • STREET FOOD: saranno presenti alcuni stand dedicati alla cucina locale e dove verranno somministrate bevande.

  • LABORATORIO D’ARTE PER BAMBINI/E: l’offerta dei giochi del parco verrà implementata e accompagnata da intrattenimenti per i giovanissimi che insieme alle loro famiglie visiteranno la manifestazione. S’insegneranno le tecniche delle Street-Art e nello stesso tempo si insisterà sul senso civico e sulla pulizia e rispetto della città. Età coinvolte 5-10 anni. Realizzato dall’Associazione MELOGRANO.

  • VIDEOPROIEZIONI: verrà installato un piccolo “cinema all’aperto” che proietterà video inerenti alle iniziative del festival e artisti durante alcuni momenti di attività, oppure in alternativa si farà convenzione con Parrocchia del Carmine con l’annesso cinema Don Fiorentini.

  • ORTO URBANO CONDIVISO di QUARTIERE: Grazie al contributo dell’associazione 300 SCALINI, luogo da definire.

REST-ART E’ SPETTACOLO:

REST-ART DA VITA DIVERSE ATTIVITA’ PER RAGAZZI E BAMBINI:

REST-ART E’ RIQUALIFICAZIONE URBANA.  SOTTOPASSO:

REST-ART E’ RIQUALIFICAZIONE URBANA.  QUARTIERE MARCONI:

Pilastri Della Memoria

Manifestazione di Street Art dove gli artisti riprodurranno ed esibiranno i loro dipinti per ricordare le personalità illustri della Città di Imola.

Personaggi Imolesi:

Età romana: Lucio Cornelio Silia – Marco Valerio Marziali

Trecento: Benvenuto Rambaldi

Cinquecento/Seicento: Marco Antonio Flaminio – Lavinia Fontana

Seicento/Settecento: Gianbattista Zappi

Settecento/Ottocento: Cosimo Morelli

Ottocento: Giuseppe Scaraballi – Andrea Costa – Giuseppina Cattani – Giuseppe Mazzini

Novecento: Ebe Stignani – Primo Contavalli – Diego Ronchini

Marina Flower

Installazione artistica di strett art con l’associazione NoiGiovani all’interno dell’evento culturale Marina Flower che si è svolta nel centro di Marina di Ravenna dall’ 1 al 5 giugno 2016.

La manifestazione è sponsorizzata dal Comune di Marina di Ravenna e si è tenuta per la seconda volta in due anni all’interno della città, prevedendo una Notte Bianca di apertura dei negozi, attività culturali, in collaborazione con le varie associazioni e attività locali.

Il progetto, che fa parte del Rest-Art Festival prevede la costruzione di 3 box di forma cubica che verranno installati in Via delle Nazioni e verranno dipinti da 4 artisti ciascuno.

dsc_8623-copia dsc_8632-copia dsc_8724-copia dsc_8726-copia dsc_8730-copia-copia dsc_8776-copia dsc_8820-copia dsc_8830-copia dsc_8834-copia dsc_8846-copia dsc_8847-copia dsc_8851-copia dsc_8853-copia dsc_8855-copia dsc_8869-copia